Il corpo carbonizzato a Milano, il rapporto dell'orrore: "Ho visto Cristian con la gola tagliata" - International Lawyers Associates

Il cadavere carbonizzato a Milano, il rapporto dell'orrore: «Ho visto Cristian con la gola tagliata»

La storia della donna che viveva in casa: «Ho chiesto dove fosse Cristian, uno dei due mi ha raccontato di un carrello con dentro una valigia». Sono stati convalidati gli arresti dei due arrestati, mentre il terzo complice, arrestato in Francia, dovrà essere estradato in Italia.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

Questo può essere letto nell'ordine del magistrato inquirente Manuela Scudieri contro due dei tre arrestati.
Il cadavere carbonizzato a Milano, il rapporto dell'orrore

Il giovane colombiano, che è stato pugnalato a morte e il cui corpo mutilato e carbonizzato è stato trovato sabato scorso nel quartiere Bovisasca a Milano, sarebbe stato ucciso "per punirlo per aver contattato Tony," un altro colombiano "" per aiutarlo "Chi l'ha cercato non lo troverà, cioè gli altri partecipanti alla festa presso la casa di Via Carlo Carrà.

Questo può essere letto nell'ordine del magistrato inquirente Manuela Scudieri contro due dei tre arrestati. Nell'indagine condotta dal procuratore Paolo Storari. L'ordinanza mostra che il testimone principale dell'indagine era il socio del proprietario, William Gomez Arango, 38 anni, che finì in prigione per aiutare gli altri due colombiani a tagliare il corpo.

Secondo il giudice istruttore, le dichiarazioni della donna, che secondo lei vivevano nella casa che occupava, sono "affidabili". Il barbecue, spiegò la donna, era per il compleanno della sua compagna. E raccontò dettagli terribili, come se avesse visto "Cristian", la vittima, "mezzo seduto in sacchetti di plastica, con il collo tagliato".

La lotta per telefono

Il giudice, come riassume il giudice, ha spiegato che durante la festa (a cui hanno partecipato cinque persone) è sorta una disputa tra due giovani ospiti, «Pericle», o Jhonathan Hernández Vega, 21 anni, in carcere per l'omicidio , «E Mateo», o Dilan Mateus Carddenas, 20 anni, arrestato in Francia (il 10 aprile verrà estradato) e un «Tony».

Lui, dopo aver sentito la storia degli arrestati, aveva tentato di uccidere "Pericle" in Argentina. In quel momento, la donna e il suo compagno di 38 anni andarono a cercare Tony: volevano portarlo a casa per un "chiarimento".

Mentre la donna e il suo compagno uscivano a cercare Tony, in casa si scatenò l'inferno. "Pericle" e "Mateo" si sono lanciati su Cristian, il suo ospite barbecue contemporaneo, convinto di aver inviato segretamente un messaggio di testo a Tony per avvertirlo di non trovarlo.

Il cadavere smembrato

Sulla strada di casa, Gomez e il suo compagno hanno visto all'interno di una "tettoia" nel cortile "Pericle" e "Mateo" vicino al corpo di Cristian, con la gola tagliata e il petto sanguinante. La donna ricorda «Mateo» con «un coltello da cucina in mano».

Gomez aveva aiutato gli altri due a smembrare il corpo, a metterlo in una valigia e poi a portarlo nel luogo in cui era stato trovato e a dargli fuoco. Gli investigatori, cercando nell'area, avevano trovato "schizzi di sangue" nel capanno.

Rapporto dell'orrore

Agli agenti, la donna in confusione aveva detto in lacrime: "Portami da qui, ti dirò tutto, quello che ho visto stasera è stato terribile". Da qui il rapporto dell'orrore: "Gli ho chiesto dov'era Cristian, uno dei due mi ha detto" c'è "e mi ha mostrato un carrello del supermercato con dentro una valigia".

Nell'interrogatorio "Pericle" riferì che la vittima aveva il suo cognome, cioè Hernandez, cercò di sbarazzarsi di tutte le responsabilità per Gomez, incluso il suo parente, e disse che "questo Tony è una persona che voleva uccidermi Già quando ero in Argentina ».

 

Convalida le fermate

Nel frattempo, il magistrato inquirente Manuela Scudieri ha convalidato gli arresti dei due arrestati e ordinato la custodia, come richiesto dal procuratore Paolo Storari, proprietario delle indagini condotte dalla squadra mobile.

Il 21enne è accusato di omicidio aggravato dalla crudeltà, il 38enne di repressione e disprezzo per un cadavere. Il terzo colombiano, anch'egli 21enne, arrestato martedì in Francia, vicino a Parigi, dovrà essere estradato in Italia.

Il procuratore nella richiesta di custodia in prigione dei primi due detenuti, ricevuto dal giudice, ha evidenziato i pericoli legati alla ripetizione del crimine, alla fuga e alla contaminazione probatoria per entrambi.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

Ti assistiamo in tutta Italia

Se tu o un tuo familiare siete detenuti nel territorio italiano o in qualsiasi parte del mondo, possiamo aiutarvi

Contattaci

Inviaci la tua domanda compilando il modulo e ti risponderemo al più presto. Per le emergenze puoi contattarci direttamente tramite WhatsApp o chiamare il nostro numero di telefono.

Un orrore a Milano, peccato.
  • Caterina Gomez
5

sommario

Il cadavere carbonizzato a Milano, il rapporto dell'orrore

invio
Recensione dell'utente
5 (1 voto)


it_ITItaliano
es_ESEspañol en_USEnglish fr_FRFrançais pt_PTPortuguês ru_RU??????? it_ITItaliano