Legittima difesa in Italia

La legittima difesa italiana è un istituto legale riconosciuto da molte leggi.

Già gli antichi romani riconoscevano il diritto di una persona ingiustamente ferita di difendersi attraverso l'uso della forza, a condizione che la difesa fosse proporzionale all'offesa.  

Dal principio romano, riassunto nella frase latina "Vim vi repellere licet" (è lecito respingere la violenza con la violenza) contenuta nel Digest di Giustiniano, discende il principio di legittima difesa incorporato nella moderna legge europea.

L'ordinamento italiano riconosce il principio di autodifesa nel suo articolo 52 stabilisce la proporzionalità tra aggressività e risposta come condizione per la validità dell'autodifesa.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

In Italia il principio di autodifesa è in discussione e potrebbe subire importanti cambiamenti che contribuiscono a suscitare grande interesse su questo tema tra i cittadini.
Legittima difesa in Italia

Attacco e difesa

Le modifiche proposte annullerebbero il riferimento al principio di proporzionalità tra reato e difesa in caso di indebita entrata nel domicilio o nella proprietà privata.

Nelle modifiche a questo articolo che contempla la legittima difesa implicherebbe una maggiore protezione legale per l'uomo che usa le armi per difendersi nella sua stanza, anche nel caso in cui non vi sia alcuna minaccia diretta.

I critici della proposta di riforma sostengono che questa azione aumenterebbe l'uso di armi che porterebbe a un clima di maggiore violenza.

In ogni caso, la riforma cerca solo di prevenire situazioni estreme in cui le persone colpite possono difendere i propri diritti con il sostegno della legge e, naturalmente, ciò non ridurrebbe il monopolio statale dell'uso della forza.

La presunzione di autodifesa

La presunzione di autodifesa garantirebbe maggiori garanzie ai cittadini che agiscono in difesa della propria vita, parenti e proprietà; Naturalmente, avrebbe ancora bisogno di essere provato caso per caso, e quelle situazioni in cui la violenza totalmente eccessiva e ingiustificata si manifesta come autodifesa potrebbero essere facilmente classificate come criminali anche dopo la corrispondente revisione legale, in riferimento a tutti gli atti in cui è stato confermato che la legittima difesa è stata sostituita dalla vendetta.

Tutto ciò si ispira al diritto penale francese stabilirà la legittima difesa contro coloro che aprono il domicilio, come modo per resistere all'insicurezza dei cittadini, e chiudere i campi irregolari, molti dei quali rom, rumeni, che hanno riempito il paese.

In generale, la legittima difesa esonera coloro che agiscono per legittima difesa o i loro diritti dalla responsabilità penale ogniqualvolta si verificano determinate circostanze: aggressività illegittima, necessità razionale dei mezzi usati per prevenirla o respingerla e mancanza di sufficienti provocazioni da parte di chi si difende.

L'autodifesa è una causa che elimina l'illegittimità e, pertanto, impedisce che tale condotta sia punibile.

Il bisogno razionale del mezzo utilizzato.

Sulla necessità razionale dei mezzi utilizzati, la dottrina criminale concorda sul fatto che non si riferisce allo strumento utilizzato per difendersi ma alla condotta con cui viene effettuata la difesa.

Vale a dire, la proporzionalità non è data dai mezzi usati per difendersi, ma piuttosto che le azioni di coloro che si difendono sono sufficienti a prevenire o respingere l'aggressione illegittima di cui sono vittime; Se va oltre, agisce in eccesso.

Un altro punto rilevante nel determinare se una persona ha agito per legittima difesa è se l'atto costituisce un'unità di azione. Ad esempio, non agirebbe per autodifesa che dopo aver subito un assalto illegittimo alla porta di casa sua, entra nella casa, prende una pistola, insegue il criminale e lo uccide.

In tal caso sarebbe un caso di vendetta e non una legittima difesa.

In riferimento a tutto quanto sopra, prenderemo come riferimento due ampi significati per comprendere esattamente la questione della legittima difesa come strumento criminale utilizzato nel codice penale italiano e perché la riforma della protezione nell'ordinamento penale italiano.

Francesco Carrara, il maggiore rappresentante della classica scuola di diritto penale italiano, riferendosi all'autodifesa, ha affermato che "il giustiziere non è una punizione ma un atto di difesa da parte di coloro che non affermano che l'individuo che ha ucciso meritasse la morte, ma esprime" Ho ucciso proprio perché avevo il diritto di salvarmi da una morte ingiusta e imminente che non avrei potuto evitare altrimenti.

García Zavalía, ha affermato che «l'uomo che si difende non si trova nella situazione del giudice nel suo gabinetto, per poter apprezzare esattamente il pericolo dell'attacco e la natura dei mezzi che devono essere contrastati. Il suo umore è necessariamente disturbato dalla paura, dall'esaltazione di chi combatte e, quindi, così tanto, diventa molto difficile non esagerare il pericolo e i mezzi utilizzati ».

Lo stato è principalmente il garante sussidiario dei diritti che appartengono a ciascuna persona per loro stessa natura.

Lo stato è innanzitutto il garante sussidiario dei diritti che appartengono a ciascuno per la propria natura e la legittima difesa è una delle principali.

La riforma del codice penale ci consentirà di sostenere quel diritto indispensabile di ogni persona, ma in modo equilibrato con il resto della legislazione, rispettando i precetti costituzionali e il quadro dei diritti umani ”.

La riforma mira a essere presunta come legittima difesa, salvo prova contraria, del fatto di causare danni a chiunque, attraverso la violenza, l'escalation o con qualsiasi altro mezzo, cerchi di penetrare senza diritto, a casa dell'agente quella della sua famiglia, le sue dipendenze o quelle di qualsiasi persona che ha l'obbligo di difendere, nel luogo in cui si trova la proprietà propria o altrui rispetto alla quale esiste lo stesso obbligo; o, trovalo in uno di quei luoghi in circostanze che rivelano la probabilità di un assalto.

In questo caso, l'avvocato penalista Alexandro María Tirelli, uno dei più prestigiosi avvocati in Europa in materia penale e internazionale, ci dà il suo concepimento alla fine e questa riforma. Stabilire che:

Ogni cittadino dovrebbe avere il diritto di sparare mentre è armato per autodifesa contro coloro che violano il perimetro della loro casa nella violenza e con un'arma.

Se hai bisogno di assistenza legale, rappresentanza in questo caso, non esitare a contattarci siamo avvocati internazionali associati.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

Potresti anche essere interessato ad articoli su Relazioni internazionali e trattati tra Italia e Venezuela.

Ti assistiamo in tutto il Messico e l'Italia

Se tu o un tuo familiare siete detenuti nel territorio italiano o in qualsiasi parte del mondo, possiamo aiutarvi

Contattaci

Inviaci la tua domanda compilando il modulo e ti risponderemo al più presto. Per le emergenze puoi contattarci direttamente tramite WhatsApp o chiamare il nostro numero di telefono.

Molto chiaro il brief sulla legittima difesa italiana, grazie
  • Ricardo Alberto Manices
5

sommario

La legittima difesa in Italia è un istituto legale riconosciuto da molte leggi. Già gli antichi romani riconoscevano il diritto di una persona ingiustamente ferita di difendersi attraverso l'uso della forza, a condizione che la difesa fosse proporzionale all'offesa.

invio
Recensione dell'utente
0 (0 voi voti)


it_ITItaliano
es_ESEspañol en_USEnglish fr_FRFrançais pt_PTPortuguês ru_RUРусский zh_CN简体中文 it_ITItaliano