Perseguitato in cambio dell'ex terrorista Battisti, la storia dell'uomo d'affari in fuga dal Brasile. - International Lawyers Associates

Perseguitato in cambio dell'ex terrorista Battisti, la storia dell'uomo d'affari in fuga dal Brasile.

Il Brasile ha permesso la cattura dell'ex terrorista rosso e ora l'Italia deve consegnarmi al presidente Bolsonaro ». L'uomo d'affari italiano Renato De Matteo Reginatto, 37 anni, cittadino italiano che parla perfettamente portoghese, sposato con un brasiliano, parla attraverso uno dei suoi avvocati.

Non è ancora chiaro se sia uno Scrooge of the Scrooge o uno scammer di entrambi i mondi. È lontano dal Brasile, dove è finito nel bel mezzo di un caso mega-giudiziario per una presunta frode astronomica di circa $ 1,3 miliardi pagati in fondi pensione in 28 città di sette stati e poi è scomparsa.

Una mega-truffa che avrebbe fatto piangere una moltitudine di risparmiatori con il riciclaggio ipotetico allegato che si sarebbe verificato dal 2012 al 2016. Qualche tempo fa, il signor Renato è sbarcato negli Stati Uniti. Le autorità affermano che ha fatto investire i Nabob in navi, immobili a New York, Miami, Boston e altre società.

Ne hanno parlato i giornali brasiliani e anche la fervida comunità italiana. E in Italia inizia l'altra storia dell'imprenditore. A febbraio, il direttore è stato arrestato a Roma per ordine delle autorità brasiliane. Con tutte queste accuse sembra una conclusione inevitabile.

Tuttavia, la stessa magistratura all'estero che lo voleva dietro le sbarre sembra essere contraddittoria. Si pronuncia su di lui più volte, a pochi giorni di distanza, definendo Reginatto colpevole e il prossimo straniero in materia penale. Una serie di documenti sigillati che per l'avvocato Alexandro Maria Tirelli, uno dei suoi avvocati, rappresenterebbe "una vera indignazione del diritto internazionale" e rivelerebbe di più.

Il direttore, è l'idea dell'avvocato, è la controparte di una negoziazione tra i due Stati. Un patto non scritto che avrebbe posto fine a oltre trenta anni di fuga dall'ex super fuggitivo ricercato per quattro omicidi commessi (confessati più tardi) a Belpa alla fine degli anni 70. Gli ultimi movimenti di Battisti lo dimostrerebbero: espulsi Brasile, accettato dalla Bolivia, ammanettato dai nostri servizi.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

GUILTY, INNOCENT: L'ALTALENA DELLA GIUSTIZIA DI OLTREOCEÁN
Cesar Battisti

Secondo la ricostruzione della difesa, il presunto scambio di Battisti-Reginatto porterebbe a un groviglio di atti giudiziari, "la prova, secondo Tirelli, della persecuzione di cui l'uomo d'affari è vittima, senza alcuna base giuridica". In sostanza, la giustizia sudamericana accusa prima Reginatto, quindi revoca l'arresto.

Ritorna per richiedere la sua estradizione e, ancora una volta, la rimuove dall'elenco desiderato. Sembra la tela di Penelope: è fatta e poi annullata. È in gioco la giustizia italiana. Il 12 febbraio di quest'anno a Roma, su mandato del Tribunale federale di San Paolo (Brasile), i magistrati arrestano l'imprenditore per frode.

Due giorni dopo vengono scartati. Il 18 del mese un'altra richiesta di estradizione da San Paolo. Quarantotto ore dopo, l'appello per il capitale, ma con misure minori: obbligo di firmare e recuperare i documenti di espatrio. Altra razza

Il 19 marzo, la Corte Federale Federale del Brasile ha revocato l'ordine di arresto due mesi prima, ha cancellato Reginatto dalla lista rossa dei cattivi che dovevano essere catturati e la Corte d'Appello brasiliana ha dichiarato contro di lui che non c'era posto per procedere all'arresto 18 gennaio 2019. Ora il nuovo evento.

Questa è la richiesta di estradizione della Procura brasiliana di Minas Gerais basata sul mandato di arresto dell'8 novembre 2018 per un fatto già trattato dal Tribunale Federale della sezione giudiziaria di San Paolo.

Molte disposizioni penali che potrebbero essere giustificate dalle numerose procedure aperte in città di diversi stati del Brasile contro Reginatto "ma assolutamente ingiustificate - continua Tirelli - perché una persona non può essere processata due volte per lo stesso crimine".

L'APPELLO AL MINISTRO ITALIANO

Attualmente Renato De Matteo Reginatto è a Roma. È sotto inchiesta, soggetto all'obbligo di firmare. Non mostrato Non risponde a domande scritte. Risponde al suo cellulare solo con messaggi gratuiti. Il suo avvocato afferma: «È la spina del nostro ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.

Il giorno del rimpatrio di Cesare Battisti all'aeroporto di Ciampino a Roma - Tirelli graffi - è apparso sul bordo della pista insieme al collega Ministro degli Interni Salvini «.

A metà aprile, l'avvocato ha scritto una lettera al ministro Bonafede per spiegare questa "flagrante persecuzione politica e giudiziaria che rappresenta una vera indignazione per i sacri principi che ispirano il diritto internazionale e il trattato specifico di cooperazione in materia penale che unisce il nostro paese . in Brasile "e conclude facendo riferimento al fondo Tirelli fa riferimento al" sospetto di debolezza del governo italiano nelle sue relazioni con il governo brasiliano nella questione ora chiarita, che corre il rischio di sacrificare, anche sulla base dei recenti episodi di estradizione e sensazionale, un successo, sull'altare delle giuste relazioni bilaterali con il Brasile l'irrefrenabile diritto alla libertà di un cittadino italiano ».

Informato dei fatti, il Ministero della Giustizia non ha ancora fornito la propria versione.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

Ti assistiamo in tutta Italia

Se tu o un tuo familiare siete detenuti nel territorio italiano o in qualsiasi parte del mondo, possiamo aiutarvi

Contattaci

Inviaci la tua domanda compilando il modulo e ti risponderemo al più presto. Per le emergenze puoi contattarci direttamente tramite WhatsApp o chiamare il nostro numero di telefono.

L'avvocato Tirelli è un ottimo difensore.
  • Maria Amparo Cannavaro
5

sommario

È il conto che lo Stato italiano deve pagare per la riuscita consegna di Cesare Battisti.

invio
Recensione dell'utente
5 (1 voto)


it_ITItaliano
es_ESEspañol en_USEnglish fr_FRFrançais pt_PTPortuguês ru_RU??????? it_ITItaliano