Primo passo per l'estradizione di Cesare Battisti

L'estradizione è la procedura giudiziaria (penale-amministrativa) con la quale una persona accusata o condannata per un crimine ai sensi della legge di uno Stato viene arrestata in un altro Stato e restituita alla prima.

Questa procedura giudiziaria con la quale una persona accusata o condannata per un reato ai sensi della legge di uno Stato viene arrestata in un altro Stato e restituita alla prima per essere perseguita o per scontare la pena già inflitta. La parola deriva dal latino ex che significa "esterno" e traditio che significa "trasmissione".

Sebbene vi sia una cooperazione internazionale molto attiva per la repressione dei crimini, esiste ancora una regola secondo cui uno Stato è obbligato a concedere l'estradizione di un trasgressore straniero, solo se esiste un trattato internazionale con lo Stato richiedente o la Convenzione internazionale sull'estradizione, che entrambi gli stati sono firmatari.

Quando non vi è alcun trattato o convenzione internazionale, lo Stato richiesto è autorizzato a concordare l'estradizione, ma non è tenuto a concederlo. Tuttavia, l'obbligo di cui sopra non è assoluto perché lo stato richiesto mantiene sempre il potere sovrano di non concedere l'ex tradizione se, secondo la sua legislazione nazionale, i requisiti stabiliti a tale scopo non sono soddisfatti. Non era il caso del terrorista italiano Battisti.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

Il dilemma sorto negli ultimi mesi, afferma Alexandro María Tirelli, un esperto criminale internazionalista sull'estradizione, era una questione più politica che legale, oltre che legale; Nel momento in cui l'ex presidente Lula ha negato l'estradizione di Battisti nel 2010, considerandolo un rifugiato politico, ha chiuso la sua posizione legale. Tuttavia, rispetto a otto anni fa, un nuovo crimine ha assunto e condizionato la decisione della Corte.
Primo passo per l'estradizione di Cesare Battisti

Per quattordici mesi, Fux conservò il fascicolo di Battisti, quattordici mesi in cui il giudice passò da una posizione di totale opposizione alla firma della richiesta di arresto. Una decisione che potrebbe arrivare comunque, ma è stata pensata solo grazie a una decisione della Corte Suprema.

Il giudice della Corte Suprema del Brasile, Luis Fux, ha firmato, per evitare «Qualsiasi tentativo di fuga», la richiesta di arresto "Ai fini dell'estradizione" di ex militante di proletari armati di comunismo, Cesare Battisti.

La magistratura riconosce la correzione del processo di estradizione e stabilisce che la decisione finale spetta al Capo dello Stato, ex membro del PAC fux di cui l'Italia chiede l'estradizione perché conta l'ergastolo.

È importante sottolineare che, secondo la dichiarazione del tuo avvocato, «L'ex terrorista che aveva perso le sue tracce». Le testimonianze dei vicini e le voci sono state confermate dal suo avvocato: Igor Sant'Anna Tamasauskas ha affermato di non sapere dove fosse il suo cliente e che, da ieri, dal momento in cui è stato annunciato il mandato di arresto, sembra inutile contattarlo .  

L'ex terrorista si è perso a dicembre dopo che un mandato di arresto è stato emesso contro di lui: in Brasile, a Cananea, sulla costa di San Paolo, dove viveva, non lo vedevano da metà novembre.

La squadra speciale dell'Interpol, con agenti boliviani, italiani e brasiliani, ha eseguito l'arresto. Al momento del suo arresto, Battisti aveva barba e baffi, non era armato e non resisteva. Ha parlato in portoghese per rispondere alla polizia e ha mostrato un documento brasiliano che conferma la sua identità.

Nel frattempo, l'attuale presidente brasiliano, Michel Temer, ha firmato il decreto di estradizione.

Il presidente Mattarella è grato per l'operazione di Bolsonaro: “Il gesto che ha compiuto costituisce una testimonianza significativa della vecchia e solida amicizia tra Brasile e Italia e dimostra sensibilità in relazione a una questione complessa e delicata, che risveglia sentimenti di intensa partecipazione alla Opinione pubblica del nostro paese.

Apprezzo molto la determinazione della sua decisione, continua Mattarella, che aiuta a rendere giustizia alle vittime dei crimini per i quali è stato condannato Cesare Battisti e allo stato italiano il ministro della giustizia, Alfonso Bonafede si riferisce a questo caso dicendo: «La Corte Federale Suprema del Brasile ha ordinato l'arresto di Cesare Battisti, le nostre richieste di rigetto della sua richiesta sono state accettate, di cui il Ministero della Giustizia ha lavorato a lungo, ma saremo soddisfatti solo quando Battisti sarà estradato in Italia »

L'ambasciatore italiano in Brasile, Antonio Bernardini, ha celebrato la cattura: dicendo che è stato arrestato! La democrazia è più forte del terrorismo.

L'estradizione di Cesare Battisti, lo sterminatore che è stato arrestato due giorni fa dall'Interpol in Bolivia e immediatamente estradato in Italia, è stato portato a termine.

L'arrivo del volo speciale è quindi un'ora prima dell'indicazione originale. Non appena lascerai l'aereo, verrai portato dal gruppo operativo mobile della polizia penitenziaria e portato nella prigione di Rebibbia.

Assicurare il ministro della giustizia «Lotta contro l'ergastolo» per i quattro omicidi per i quali è stato condannato, senza la possibilità di ottenere benefici e ha aggiunto che le indagini continuano a identificare la rete di simpatizzanti dell'ex terrorista.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

Potresti anche essere interessato ad articoli su Traffico illecito di rifiuti e suoi confidenti intermediari.

Ti assistiamo in tutta Italia

Se tu o un tuo familiare siete detenuti nel territorio italiano o in qualsiasi parte del mondo, possiamo aiutarvi

Contattaci

Inviaci la tua domanda compilando il modulo e ti risponderemo al più presto. Per le emergenze puoi contattarci direttamente tramite WhatsApp o chiamare il nostro numero di telefono.

Consigliata Alessandri Tirelli, l'esperta italiana di estradizione.
  • Juan Fernando Castro Costa
5

sommario

Il dilemma che è sorto negli ultimi mesi, afferma Alexandro María Tirelli, un esperto criminale internazionalista sull'estradizione era una questione più politica che legale.

invio
Recensione dell'utente
0 (0 voi voti)


it_ITItaliano
es_ESEspañol en_USEnglish fr_FRFrançais pt_PTPortuguês ru_RUРусский zh_CN简体中文 it_ITItaliano