Relazioni internazionali e trattati tra Italia e Venezuela

L'Italia e il Venezuela hanno sostenuto negli anni di aver firmato una serie di accordi internazionali in aree di interesse per entrambe le nazioni.

Tra i trattati più importanti abbiamo:

  • Trattato di amicizia, commercio e navigazione.
  • Modus Vivendi in aggiunta al Trattato di Commercio e Navigazione;
  • Accordo per il trasporto aereo, con allegato scambio di note
  • Accordo per evitare la doppia imposizione sul reddito derivante dall'esercizio di navigazione aerea.
  • Scambio di lettere relativo alla consulenza tecnica nel settore agricolo e agroindustriale
  • Accordo di cooperazione scientifica e tecnologica
  • Accordo per evitare la doppia tassazione delle imposte derivanti dalla navigazione marittima
  • Accordo per evitare la doppia tassazione delle imposte sul reddito e per prevenire allusioni, evasioni e frodi, con il protocollo.
  • Accordo di promozione e protezione degli investimenti; Accordo quadro per la cooperazione allo sviluppo economico e industriale tra Italia e Venezuela.
  • Accordo quadro di cooperazione economica, industriale, infrastrutturale e di sviluppo tra il governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela e il governo della Repubblica italiana 2001.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

Il governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela e il governo della Repubblica italiana, nel desiderio di creare condizioni favorevoli per una maggiore cooperazione economica tra i due paesi.
Relazioni internazionali e trattati tra Italia e Venezuela

In riferimento alla protezione degli investimenti.

Il governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela e il governo della Repubblica italiana, nel desiderio di creare condizioni favorevoli per una maggiore cooperazione economica tra i due paesi. Questi hanno preso in considerazione la possibilità di stabilire un adeguato flusso internazionale di capitali in cui contribuiranno a stimolare iniziative commerciali che favoriscono la prosperità di entrambe le nazioni.

Hanno concordato che tutto investimento in conformità con il sistema legale del paese di destinazione e indipendentemente dalla forma giuridica scelta o da qualsiasi altro sistema giuridico di riferimento. Qualsiasi contributo investito o reinvestito in un'attività produttiva da persone fisiche o giuridiche di una parte contraente nel territorio dell'altra, conformemente alle leggi e ai regolamenti di quest'ultima.

Sono specificamente considerati investimenti:

  • Beni mobili e immobili, nonché qualsiasi altro diritto "reale", compresi, nella misura in cui sono utilizzabili per investimenti, i diritti reali di garanzia su proprietà di terzi.
  • Azioni, quote di società, partecipazioni e altri diritti simili anche in caso di partecipazione di minoranza nonché altre risorse al cui trasferimento all'estero gli investitori stranieri hanno diritto a società costituite nel territorio di una delle Parti contraenti.
  • Obblighi, titoli pubblici o privati o qualsiasi altro diritto a benefici o servizi collegati a un investimento e aventi un valore economico, nonché redditi capitalizzati.
  • Prestiti e prestiti direttamente collegati a un investimento, elaborati attraverso canali bancari, regolarmente contratti e documentati secondo le disposizioni in vigore nel Paese in cui viene effettuato tale investimento.
  • Copyright, proprietà industriale o intellettuale come licenze di brevetti di invenzione, marchi, segreti, modelli e disegni industriali - nonché procedure tecniche, trasferimenti di conoscenze tecnologiche, nomi registrati e buona volontà.
  • Qualsiasi diritto economico conferito dalla legge o dal contratto, nonché qualsiasi licenza o concessione concessa in conformità con le disposizioni in vigore applicabili all'esercizio di attività economiche, inclusi prospezione, coltivazione, estrazione e sfruttamento delle risorse naturali.

Per la promozione e la protezione degli investimenti.

Ciascuna parte contraente incoraggia gli investitori dell'altra parte contraente a effettuare investimenti nel proprio territorio e ad autorizzare tali investimenti conformemente alla propria legislazione. Ciascuna parte contraente garantisce sempre un trattamento equo ed equo degli investimenti degli investitori dell'altra conformemente alle norme e ai principi del diritto internazionale. Ciascuna parte contraente si astiene dall'adottare misure arbitrarie o discriminatorie che incidono sulla gestione, il mantenimento, il godimento, la trasformazione, la cessazione e la liquidazione degli investimenti effettuati nel suo territorio dagli investitori dell'altra parte contraente.

In questo caso il termine è stato stabilito nel trattato: trattamento nazionale e clausola della nazione più favorita, ciascuna parte contraente, nell'ambito del proprio territorio, concorderà gli investimenti effettuati dagli investitori dell'altra parte contraente. Entrate e attività correlate a tali investimenti, nonché tutte le altre questioni regolate dal presente Accordo, un trattamento non meno favorevole a quello riservato ai propri investitori o investitori di paesi terzi.

Le disposizioni di cui al paragrafo 1 del presente articolo non si applicano ai vantaggi e ai privilegi che una parte contraente riconosce o riconoscerà ai paesi terzi in virtù della sua partecipazione a un'unione doganale o economica, in associazioni di mercato comuni, in settori di libero scambio o in conseguenza di accordi regionali o subregionali, di accordi economici multilaterali o derivati di accordi firmati per evitare la doppia imposizione o altri accordi fiscali o volti a facilitare gli scambi di frontiera.

Risarcimento per danni o perdite.

Tuttavia, come per qualsiasi contratto, deve esserci una protezione legale e la compensazione per danni o perdite è stata stabilita, nel caso in cui gli investitori delle Parti contraenti abbiano subito perdite nei loro investimenti nel territorio dell'altra Parte contraente a causa di guerre o altri conflitti armato. Stati di emergenza o altri eventi simili, la parte contraente nel cui territorio è stato effettuato l'investimento accorda, per quanto riguarda la compensazione, un trattamento non meno favorevole di quello concesso ai propri cittadini, alle sue persone giuridiche o agli investitori di terzi stato.

Se ICSID e meccanismi supplementari non fossero disponibili.

Nel caso in cui, per qualsiasi motivo, non fossero disponibili né ICSID né i meccanismi supplementari, l'investitore può sottoporre la controversia a un tribunale arbitrale "ad hoc" in conformità con le regole di arbitrato della Commissione delle Nazioni Unite per la Diritto commerciale internazionale e con le seguenti modalità specifiche.

Gli arbitri saranno tre e, se non fossero cittadini delle Parti contraenti, dovrebbero essere cittadini di Paesi che intrattengono relazioni diplomatiche con entrambe le Parti. In caso di ricorso alle norme UNCITRAL, il presidente dell'Istituto arbitrale della Camera di commercio di Stoccolma sarà responsabile, se necessario, della nomina degli arbitri. L'arbitrato si svolgerà a Stoccolma, salvo diverso accordo tra le Parti. Nessuna delle Parti contraenti, che è parte di una controversia, può sollevare, in una fase del processo arbitrale o dell'esecuzione di una sentenza arbitrale, eccezioni basate sul fatto che l'investitore, la parte avversa, ha, a seguito di un polizza assicurativa o garanzia di cui all'articolo VII del presente Accordo, ha ricevuto un indennizzo destinato a coprire in tutto o in parte le perdite subite.

Il tribunale arbitrale determinerà se la Parte contraente in questione ha violato il presente Accordo e se vi è una violazione e ha causato un danno all'investitore, determinerà l'importo del risarcimento che la Parte contraente compenserà

Le controversie tra le Parti contraenti relative all'interpretazione e all'applicazione del presente Accordo dovrebbero, ove possibile, essere risolte mediante consultazioni amichevoli attraverso canali diplomatici, compreso l'uso di commissioni bilaterali specifiche già stabilite tra le Parti.

Nel caso in cui tali controversie non possano essere risolte entro sei (6) mesi dalla data in cui una delle Parti contraenti ha presentato una richiesta scritta all'altra, devono essere presentate, su richiesta di una delle Parti, in un tribunale arbitrale "ad hoc" conformemente alle disposizioni del presente articolo.

The Arbitral Tribunal.

Il tribunale arbitrale è costituito come segue: entro due mesi dalla data di ricezione della richiesta di arbitrato, ciascuna parte nomina un membro del tribunale. I due membri devono quindi selezionare un cittadino di un paese terzo che fungerà da presidente. Il presidente deve essere nominato entro due mesi dalla data di nomina degli altri due membri.

Se le scadenze di cui al precedente paragrafo 3 non vengono rispettate, in assenza di altri accordi, ciascuna parte può invitare il presidente della Corte internazionale di giustizia a prendere le necessarie nomine. Nel caso in cui il Presidente sia cittadino di una delle Parti contraenti o sia impedito da qualsiasi altra causa e non possa accettare la posizione, il Vice Presidente della Corte sarà invitato a prendere le nomine. Se il Vice Presidente è cittadino di una delle due Parti o per qualsiasi altra ragione non è possibile accettarlo, il membro della Corte Internazionale di Giustizia sarà invitato a seguirlo immediatamente nell'ordine di precedenza e che non è cittadino di una delle parti.

Il tribunale arbitrale prende le sue decisioni a maggioranza dei voti e le sue decisioni sono vincolanti. Ciascuna parte contraente copre le spese del proprio arbitro, nonché le spese della sua partecipazione al procedimento arbitrale. Le spese del presidente, così come le altre spese, sono sostenute equamente dalle due parti. Il Tribunale Arbitrale determinerà i propri regolamenti.

In tutti i termini del riassunto di uno degli accordi su un'importante crescita economica in entrambe le nazioni, se fai parte di un investitore o vuoi farne parte, puoi contattarci all'interno delle tue esigenze o requisiti in quanto siamo un gruppo di avvocati legalmente riconosciuti in tutto il paese. Repubblica italiana e Venezuela in relazione a investimenti, consulenza legale contrattuale e tutto ciò che riguarda le procedure legali all'interno di queste nazioni. Esperti avvocati italiani ti aspettano per aiutarti noi siamo avvocati internazionali associati. Alexandro Maria Tirelli.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

Potresti anche essere interessato ad articoli su Estradizione tra Italia - Colombia o l'articolo su estradizione tra Italia - Cuba.

Ti assistiamo in tutto il Messico e l'Italia

Se tu o un tuo familiare siete detenuti in territorio italiano o messicano, possiamo aiutarvi

Contattaci

Inviaci la tua domanda compilando il modulo e ti risponderemo al più presto. Per le emergenze puoi contattarci direttamente tramite WhatsApp o chiamare il nostro numero di telefono.

Ottimo articolo sulle relazioni internazionali e sui trattati tra Italia e Venezuela, grazie.
  • Oscar Gomez Albamil
5

sommario

L'Italia e il Venezuela hanno sostenuto negli anni di aver firmato una serie di accordi internazionali in aree di interesse per entrambe le nazioni.

invio
Recensione dell'utente
0 (0 voi voti)


it_ITItaliano
es_ESEspañol en_USEnglish fr_FRFrançais pt_PTPortuguês ru_RUРусский zh_CN简体中文 it_ITItaliano