Riciclaggio, cassazione esclude crediti d'imposta e fatture false - International Lawyers Associates

Riciclando, la cassazione esclude crediti d'imposta e fatture false

Un imprenditore aveva messo in atto i crimini nell'esecuzione dello stesso disegno criminale, mirato all'evasione fiscale.

Il denaro pagato a una società per l'emissione di fatture per transazioni inesistenti non costituisce un arricchimento illegale per il reato di imposta sul reddito e valore aggiunto (articolo 2 del decreto legislativo n. 74/00) e di conseguenza non può dar luogo al reato di riciclaggio di denaro

"Il vantaggio, come deciso dalla Corte di cassazione, coincide con il risparmio fiscale ottenuto attraverso l'iscrizione nei conti, nonché la successiva indicazione delle fatture nella dichiarazione dei redditi" afferma l'avvocato Alexandro María Tirelli , esperto di diritto penale per gli associati di avvocati internazionali.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

Il vantaggio, come deciso dalla Corte di cassazione, coincide con il risparmio fiscale ottenuto attraverso l'iscrizione nei conti, nonché con la successiva indicazione delle fatture nella dichiarazione dei redditi.
Riciclando, la cassazione esclude crediti d'imposta e fatture false

Ecco il testo della frase n. 36870, depositato il 6 settembre 2013.

Un contribuente è stato sottoposto a procedimenti penali per la commissione, in concorrenza con altri, di vari crimini.

In particolare, si riferiva ai reati di: falsità in atti privati, previsti dall'art. 485 del codice civile, poiché, al fine di effettuare una complessa evasione fiscale, ha fatto false firme nelle dichiarazioni di acquisto private da dedurre da altri, per detrarre i relativi costi.

Appropriazione indebita, ai sensi dell'art. 646 del codice civile, in quanto socio accomandatario di una SAS, ha assegnato le somme di denaro detenute dalla suddetta qualifica, registrate nei conti come somme utilizzate per vari acquisti, operazioni successivamente obiettivamente inesistenti.

Trasferimento fraudolento di titoli, ai sensi dell'art. 12 quinquies del DL n. 306/1992, poiché, in concorrenza con i rappresentanti legali di due società, per facilitare la commissione di riciclaggio di denaro asserito contro quest'ultima, attribuita alle stesse società, attraverso assegni bancari, bonifici bancari e in parte in contanti, la somma Due milioni di euro.

Questa somma, fittiziamente attribuita al pagamento delle forniture di beni di cui alle false fatture, è stata restituita al convenuto senza valide ragioni economiche e aveva quindi il solo scopo di facilitare la commissione del reato di riciclaggio. .

In breve, quindi, l'imprenditore aveva attuato i suddetti crimini nell'esecuzione dello stesso disegno criminale, finalizzato all'evasione fiscale.

Pertanto, il reato di dichiarazione fraudolenta attraverso l'uso di false fatture, ai sensi dell'art. 2 del decreto legislativo n. 74/00.

Tuttavia, al termine dell'udienza preliminare, il GUP ha pronunciato un processo senza possibilità di procedere per tutti i reati asseriti contro l'imputato e, in particolare, per il crimine di trasferimento fraudolento di valore, poiché si è ritenuto che il fatto non esistesse . Il procuratore della Repubblica ha fatto appello all'ingiunzione emessa dal GUP.

Ricorda quell'arte. 12 quinquies del DL n. 306/1992 - intitolato "Trasferimento fraudolento di titoli" - punisce con una pena detentiva da due a sei anni, a meno che l'atto non costituisca un reato più grave, chiunque attribuisca falsamente ad altri la proprietà o la disponibilità di denaro, proprietà o altri benefici per eludere le disposizioni di legge sulla prevenzione della proprietà o del contrabbando, o per facilitare la commissione di uno dei reati di cui agli articoli 648, 648-bis e 648-ter del codice penale (Ricevuta di beni rubati, riciclaggio).

Il reato di riciclaggio, a sua volta, previsto dall'art. 648-bis del codice penale, punisce al di fuori dei casi di concorrenza nel reato, che sostituisce o trasferisce denaro, beni o altri benefici derivati da reati non negligenti, o esegue altre operazioni in relazione a loro, per impedire l'identificazione della loro origine criminale.

La Corte di cassazione, sezione V criminale, con sentenza n. 36870, presentato il 6 settembre 2013, in merito al merito, ha definitivamente confermato l'assenza di un posto di giudizio pronunciato dal GUP contro il datore di lavoro.

Se tu, un familiare o un conoscente sei stato trattenuto per un crimine, possiamo aiutarti.

Potresti anche essere interessato ad articoli su Traffico illecito di rifiuti e suoi confidenti intermediari.

Ti assistiamo in tutta Italia

Se tu o un tuo familiare siete detenuti nel territorio italiano o in qualsiasi parte del mondo, possiamo aiutarvi

Contattaci

Inviaci la tua domanda compilando il modulo e ti risponderemo al più presto. Per le emergenze puoi contattarci direttamente tramite WhatsApp o chiamare il nostro numero di telefono.

Interessante articolo sull'evasione fiscale
  • Jorge Costa Comin
5

sommario

Il vantaggio, come deciso dalla Corte di cassazione, coincide con il risparmio fiscale ottenuto attraverso l'iscrizione nei conti, nonché con la successiva indicazione delle fatture nella dichiarazione dei redditi.

invio
Recensione dell'utente
0 (0 voi voti)


it_ITItaliano
es_ESEspañol en_USEnglish fr_FRFrançais pt_PTPortuguês sqShqip ru_RU??????? zh_CN???? it_ITItaliano