Reati tributari con l'Italia - International Lawyers Associates
 

Reati fiscali

Copriamo tutte le esigenze del detenuto, della sua famiglia e dei suoi cari.

La Common Reporting Standard è un accordo del 2014 che elimina il“segreto bancario”e promuove lo scambio di informazioni finanziarie fra i governi di 52 paesi (che diventeranno 92 entro il 2018).

La collaborazione spontanea di questi paesi ha incentivato gli evasori ad aderire alla“voluntary disclosure“che sfruttando tale norma possono “rivelare” capitali non dichiarati al fisco italiano senza incorrere in pesanti sanzioni.

Se tu, un tuo familiare o un tuo conoscente siete stati arrestati, ti rispondiamo 24 ore su 24, 7 giorni su 7

I paradisi fiscali

Ma per chi non è intenzionato ad aderire alla “voluntary disclosure”, quali sono i paradisi fiscali affidabili nel 2018? Scopriamolo insieme…

l Common Reporting Standard ha mietuto vittime illustrissime tra il 2016 ed il 2017. Oltre alle già citate Svizzera e Cayman, hanno aderito anche Ecuador, Bermuda, le Isole di Man e Jersey, Gibilterra, Mauritius, Filippine, e ancora Barbados, Cile, Dominica, India, Niue, Seychelles, Uruguay, Trinidad e Tobago.

Per restare invece in orbita europea, Lichtenstein, Città del Vaticano, San Marino e Montecarlo si sono “redenti”, perdendo una buona fetta di “turismo” italiano votato al “risparmio”.

Ma non finisce qui! Sono tantissimi gli stati che hanno già manifestato interesse ad aderire nel 2018, tra questi: Andorra, Arabia Saudita, Australia, Bahamas, Belize, Brasile, Brunei, Canada, Cina, Costa Rica, Dar es Salaam, Grenada, Emirati Arabi, Hong Kong, Indonesia, Israele, Giappone, Isole Marshall, Macao, Malesia, Monaco, Nuova Zelanda, Qatar, Russia, Saint Kitts e Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e Grenadines, Samoa, Singapore, Sint Maarten, Turchia.

Classificazione dell’OCSE

Sulla base di una classificazione dell’OCSE esiste un elenco dei paradisi fiscali che ancora resistono nel 2018, molti dei quali definiti dalla Commissione Europea come “entità non cooperative per ciò che concerne le politiche fiscali”.
Si tratta di una classificazione dei paesi inseriti nella black list, in base alla tipologia di tassazione o regime adottato:

  1. Pure Tax Haven: non ci sono tasse e garantisce l’assoluto segreto bancario anche con altri stati;
  2. No taxation on foreign income: sono esclusi da ogni tassazione i redditi esterni, e si tassa solo il reddito interno;
  3. Low taxation: tassazione modesta su qualunque reddito;
  4. Special Taxation: paesi con regimi fiscale simile a quello dei paesi considerati normali ma che permettono la costituzione di società flessibili.

Come combattere l’evasione fiscale

Ci sono molti modi di combattere l’evasione fiscale. Per fare uscire allo scoperto i furbetti (o i veri e propri ladri) lo Stato mette in campo strategie sempre più differenziate. Sul piano investigativo, e della deterrenza, si va dagli scontrini telematici e dai blitz delle Finanza, alla lente del nuovo redditometro e degli altri strumenti di accertamento induttivo del reddito. Si punta anche sulla tax compliance, pensando agli sconti per chi fa tornare i capitali con la volountary disclosure e ai premi per i contribuenti onesti.

Ma si inasprisce anche la repressione con un giro di vite sui reati tributari regolato in uno decreti attuativi dalla Legge di Riforma Fiscale, cd. Delega Fiscale, approvati dal Governo lo scorso 26 giugno 2015. Vediamo l’attuale regime in vigore e le novità introdotte della delega fiscale in merito ai reati tributari.

Quando l’evasione è reato

Naturalmente non tutti gli illeciti fiscali hanno la stessa gravità. Delle varie condotte tese a non pagare le tasse dovute – una task force del Governo ha identificato 19 profili di evasore – solo alcune sono considerate reati. La legge stabilisce quando un illecito è punibile con una sanzione amministrativa (ammenda) o penale (multa o carcere). E spesso la soglia è quantitativa: dipende cioè da quanto si evade. Un discorso a parte spetta poi all’elusione fiscale, la “zona grigia” in cui si usano le norme esistenti con il solo scopo di ridurre il carico fiscale.

Restando al campo dell’evasione, vediamo le principali condotte che configurano un reato penale e le relative sanzioni (la norma di riferimento è il Dlgs 74 del 2000, modificato dal Dl 138 del 2011 e ulteriormente ritoccato dal Dlgs. n. 158/2015).

Ricordiamo inoltre che in base al d.lgs. n. 8/2016, in vigore dal 6 febbraio 2016, il reato di omesso versamento dei contributi previdenziali è stato depenalizzato per i versamenti di importo inferiore a euro 10.000 annui.

Dichiarazione fraudolenta

Condotta falsificazione delle dichiarazioni dei redditi o Iva inserendo elementi passivi fittizi (falsa fatturazione) o alterando le scritture contabili (per i soggetti obbligati). Il reato sussiste se:

  • l’imposta evasa è superiore a 30mila euro con riferimento a ciascuna delle singole imposte (prima era 77.468,53);
  • i redditi non dichiarati superano il 5% del totale o comunque 1,5 milioni di euro (prima era 1 milione)

Sanzione reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni.

Dichiarazione infedele

Condotta dichiarazioni non veritiere al di fuori dei casi precedenti (senza un impianto fraudolento, ma comunque consapevolmente e volontariamente). Il reato sussiste se:

  • l’imposta evasa è superiore a 150mila euro (prima era di 50.000 euro);
  • i redditi non dichiarati superano il 10% del totale o comunque i 3 milioni di euro (prima era 2 milioni).

Sanzione reclusione da 1 a 3 anni.

Dichiarazione omessa

Condotta mancata presentazione delle dichiarazioni dei redditi, Iva e anche del 770 entro 90 giorni dalla scadenza. Il reato sussiste se l’imposta evasa è superiore a 50mila euro (prima era 30mila).

Sanzione reclusione da 1 a 3 anni.

Omesso versamento IVA e ritenute certificate

Condotta la soglia di punibilità è fissata a 250mila euro (era 50mila).

Emissione di fatture false

Condotta emissione di fatture o ricevute per operazioni inesistenti al fine di consentire a terzi l’evasione dell’imposta sui redditi o dell’Iva, a prescindere dall’utilizzazione o meno dei documenti falsi da parte del soggetto ricevente e dall’importo (prima la soglia di punibilità era di 196 mila euro).

Sanzioni da 1 anno e 6 mesi a 6 anni.

Occultamento o distruzione di documenti contabili

Condotta distruzione o occultamento di scritture contabili o altri documenti di cui è obbligatoria la conservazione per non consentire la ricostruzione dei redditi o del volume d’affari.

Sanzioni reclusione da 6 mesi a 5 anni.

Si va in galera più facilmente

Per tutti questi reati non si applica la sospensione condizionale della pena se l’imposta evasa supera:

  • il 30% del volume d’affari;
  • i 3 milioni di euro.

I 19 profilo di evasori

  • Evasori semplici
  • Occultamento parziale di reddito
  • Intestazioni fittizie
  • Documentazione fiscale falsa
  • Evasione “sofisticata” ed elusione fiscale
  • Omessi contributi
  • Mancata emissione di scontrino
  • Società fittizie
  • Frodi su Iva e dazi
  • Patrimoni all’estero
  • Affitti in nero
  • Detrazioni non spettanti
  • Finte Onlus
  • Frodi sulle accise
  • Tax planning aggressivo
  • Evasore totale
  • Frodi sulle ritenute
  • Transfer pricing
  • Gioco online abusivo
  • Società cartiere
  • Fuga di capitali
  • Case fantasma
  • Scommesse in nero
  • Giochi illegali

Assistenza al detenuto presso la stazione di polizia

Manteniamo i contatti tra gli affetti, i loro parenti e i loro cari

Prima di un arresto, la massima priorità è ricevere assistenza legale specializzata il più presto possibile e mantenere i contatti con l'esterno.

 Se tu o una persona cara siete stati arrestati, possiamo aiutarvi.

Assistenza nelle unità di polizia

Assistenza al detenuto nelle stesse unità di polizia entro 12 ore per coprire tutte le esigenze della persona colpita e della sua famiglia.

Consulenza specializzata

Offriamo informazioni, assistenza e consulenza al detenuto e alla sua famiglia per tutta la durata dell'intero processo.

Massima privacy

Trattamento personalizzato e massima riservatezza e discrezione per il detenuto e la sua famiglia.

Contattaci

Inviaci la tua domanda compilando il modulo e ti risponderemo al più presto. Per le emergenze puoi contattarci direttamente tramite WhatsApp o chiamare il nostro numero di telefono.

    5
    invio
    Recensione dell'utente
    5 (1 voto)
    it_ITItaliano